scuola aperta2017

images

Bullismo e Cyberbullismo

IL-RUOLO-DEGLI-INSEGNANTI-NEL-CONTRASTO-DEL-CYBERBULLISMO

A Villa Manin fra gli scatti di Robert Capa PDF Stampa

A Villa Manin fra gli scatti di Robert Capa

La classe IV AM del liceo musicale "C. Percoto" di Udine nel mese di dicembre ha visitato la mostra fotografica dedicata a Robert Capa a Villa Manin di Passariano. A coinvolgere gli allievi è stato il prof. De Marco, docente di storia dell'arte sempre attento alle iniziative culturali del territorio.

La villa veneta espone già da quattro mesi gli scatti del foto-reporter, celebre per aver partecipato alle guerre della prima metà del secolo scorso, fornendo scatti capaci di catapultare l'osservatore all'interno del conflitto.

Grazie al supporto di una guida competente e al lavoro del curatore che alle foto ha affiancato pannelli illustrativi, le classi del liceo udinese hanno approfondito gli aspetti legati alla vita e al lavoro del fotografo potendo così apprezzare al meglio gli scatti. Nelle sale, divise in base alla guerra o al periodo trattato, i ragazzi hanno potuto prendere parte allo sbarco in Normandia assieme ai militari americani, osservare i folkloristici costumi delle donne ucraine o veder cadere, colpito a morte il celebre soldato repubblicano durante la guerra civile spagnola. L'ultima sala è stata invece riservata agli ultimi scatti del foto-reporter ungherese: i pittoreschi paesaggi dell'Indocina dove trovò la morte nel 1954.

L'orario mattutino e la giornata feriale hanno favorito la visita offrendo sale occupate solo da visitatori sporadici, permettendo così agli allievi di poter osservare con la dovuta calma ogni fotografia e se necessario, tornare indietro per una nuova visita agli scatti più interessanti.

Le impressioni sono state pressochè unanimi: gli studenti si sono detti impressionati dal coraggio del fotografo, sempre in prima linea assieme ai soldati per raccontare gli orrori delle guerre che ha sempre ripudiato e affascinati da paesaggi e situazioni catturati da Robert Capa. I ragazzi maggiormente colpiti hanno comprato cartoline e guide della mostra mentre qualcuno ha espresso il desiderio di tornare a visitarla da solo.

Nessuno ha azzardato giudizi negativi confermando l'ottimo lavoro del curatore, attento al minimo particolare.

Il buon esito della visita si può riscontrare nei volti affascinati dei ragazzi coinvolti, che persino sulla corriera di ritorno hanno continuato a parlare degli scatti del fotografo e nelle parole del prof. De Marco, che ha sottolineato un’altra volta quanto simili iniziative siano essenziali per la formazione degli studenti.

 

Andrea Negro


 
 

scuola aperta Liceo Musicale 2017

Percoto for Future

PON 2014-2020

Loghi PON 2014-2020 fse-fesr corto

google.it alternanza-scuola-lavoro

orientamento in uscita

Debate

debate